Il viaggio della Croce della gratitudine in tutte le capitali del mondo

L’idea fondamentale della Missione é nata nell’anno 2003, nella mattina di Pasqua, nel giorno della resurrezione del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo, con le parole: “Prendete la mia Croce e portatela in tutte le capitali del mondo come segno di gratitudine al nostro Dio Onnipotente, per la salvezza che abbiamo ottenuto attraverso Gesú Cristo”. La Missione della Croce della gratitudine è dedicata al 2000.mo anniversario della Resurezione di Cristo (33-2033). Il 10 marzo 2004, il papa, il Santo Padre Giovanni Paolo II., capo della Chiesa Cattolica Romana, ha dato in Vaticano la benedizione di Dio alla Missione e ai suoi iniziatori.

Благославение

Благославение Папы Ионна Павла II

Il pellegrinaggio della Croce della gratitudine è iniziato in Lemberg, in Ucraina, dove nell’anno 2004, nel cuore della città fu eretta una fastosa croce di legno di quercia. Al termine fu innalzata una croce uguale anche nel cuore della città di Kiew, la capitale dell’Ucraina, e in Donetsk, una città nella parte orientale del paese.
Dopo che la Croce della gratitudine fu benedetta da Sua Eminenza Marian Yavorskiy, cardinale della Chiesa Cattolica Romana di Ucraina, dall’Arcivescovo della Chiesa Greco - Cattolica e delle Chiese Ortodosse in Ucraina, la croce viaggiò, durante la Quaresima 2006, attraverso tutta l’Ucraina. Visitò Chiese di diverse confessioni, e fu presente durante la Santa Liturgia e le notti di adorazione.
Le persone portarono la Croce sulle spalle attraverso le città ed i paesi uniti al nostro Signore Gesù Cristo, nella sua Via Crucis.
Il 28 maggio 2006 la Croce ricevette in Krakau la benedizione dal capo della Chiesa Romana Cattolica, Papa Benedetto XVI. Nell’aprile 2006 seguì quindi la benedizione vescovile da parte di Sua Eccellenza Stanislaw Gadecki e la Croce del gratitudine partecipò alla S. Messa in Fara Poznanska e Maria Sniezna.
Con questi pellegrinaggi desideriamo esortare le persone a mostrare la propria gratitudine per l’amore che ci porta il Signore. Per l’amore che lo fece soffrire e morire in croce per noi, per la nostra salvezza e per il perdono dei nostri peccati.
Questo pellegrinaggio della Croce della gratitudine ci dà un compito comune: unire tutti gli uomini e le donne della terra sotto la croce del nostro Signore. Il nostro più grande desiderio è che dappertutto le persone si soffermino solo un attimo pensando a tutto il dolore che Gesù ha preso su di sé per ognuno di noi, al di la della nazionalità e della religione. Con questo pellegrinaggio esortiamo tutte le persone a ringraziare Gesù per la sua morte in croce. Decisivo è il pensiero che il ringraziamento di ogni persona a Gesù per la sua morte e la fede nella sua resurrezione ha il significato di riconoscere e accettare il dono di Dio, il dono della vita eterna.

Al termine della visita della Croce della gratitudine nelle rispettive capitali di ciascuna nazione, con l’aiuto di rappresentanti ed appartenenti alla Missione, si dovrebbe puntare all’installazione di una croce di quercia, di pari bellezza, nel centro della città per mostrare e ricordarsi che Dio rimane tra noi e partecipa giorno dopo giorno alla nostra vita. Uniti nella preghiera, speriamo che il giorno di Pasqua del 2033, uomini e donne in tutto il mondo si riuniscano nella loro capitale in armonia ed accordo sotto la Croce del la gratitudine per onorare il nostro Signore Gesù Cristo e per ringraziarlo per la salvezza che ci ha portato.

Per il viaggio della Croce della gratitudine è previsto il seguente itinerario: dall’Ucraina attraverso la Polonia nei Paesi Baltici (Lituania, Lettonia, Estonia), quindi proseguire verso la Scandinavia, Europa occidentale, centrale, orientale e meridionale, Africa, Medio ed Estremo Oriente, Asia, Indonesia, Australia, Oceania, America del Sud e del Nord, per ritornare quindi verso l’Europa Occidentale e concludere la Missione attraverso la Russia, la Bielorussia, ritornando in Ucraina.
Finora la Croce della gratitudine ha attraversato, dal 2004 al 2006, già Kiew e tutta L’Ucraina, dal 13 maggio 2008 ha dato gioia ai fedeli in Varsavia ed ha attraversato poi tutta la Polonia. In estate la Croce della gratitudine ha raggiunto quindi la meta successiva: la Lituania. Lì ha incominciato la sua missione in Vilnius, dove fu portata sulle spalle da una Messa all’altra e da una chiesa all’altra. Nel giro di un mese ha visitato così ogni angolo della Lituania. Il viaggio iniziato il 13 giugno a Vilnius, é proseguito dal 13 luglio in Riga, capitale della Lettonia. Anche qui la Croce fu portata sulle spalle dei fedeli nelle diverse chiese cattoliche, dove furono celebrate Sante Messe alla presenza della Croce della gratitudine. Anche in questo paese i fedeli furono rallegrati dalla presenza della Croce, perché essa dal 13 agosto continuò il suo viaggio, sulle spalle dei pellegrini verso Algona, luogo di apparizione della Madre di Dio, la Vergine Maria. Là essa fino al 15 agosto trascorse gli ultimi giorni in Lettonia in mezzo a numerosi cristiani in preghiera.
Il 17 agosto la Croce della gratitudine raggiunse la meta successiva del suo lungo viaggio: Tallin e poi diversi altri territori dell’Estonia per continuare quindi il suo viaggio verso Helsinki il 21 settembre. A questa seguirono altre città della Finlandia.
Dal 19 ottobre, in Oslo, i fedeli della Norvegia diedero il loro cordiale benvenuto alla Croce. Seguirono poi stazioni in Danimarca – a Copenaghen il 15.11. 2008 e a Stoccolma, in Svezia, il 21.12.2008. A Stoccolma la Croce della gratitudine fu accolta in una chiesa cattolica ed in una luterana. Ad Helsinki i buddisti di Pechino hanno aiutato a portar la Croce in una Chiesa luterana. La Croce arrivò quindi in Germania, dapprima a Hannover il 23.01.09 e più tardi a Berlino, dove la croce è stata esposta nella basilica S. Giovanni e nella chiesa di S. Iadviga. Dal’ 8 giugno del 2009 è stata spostata nel convegno dei frati francescani (isola Forera). Dal 10 giugno del 2009 la croce è stata esposta nella cattedrale di Gesù Salvatore (Rejkjavik, Islandia). Dal 21 luglio del 2009 – nella chiesa di Spirito Santo a Parigi (Francia); dal 5 dicembre del 2009 a Lourdes (Francia). Dal 31 gennaio del 2010 nella chiesa di S. Paolo e S. Petro ad Amsterdam (Olanda). Dal 27 marzo del 2010 - nella basilica di Sacro Cuore a Bruxelles (Belgio). Dal 30 agosto del 2010 - nella chiesa di S. Giuseppe a Vienna (Austria). Dal 30 ottobre del 2010 - nella cattedrale di S. Stefano a Budapest (Ungheria). Dal 29 gennaio del 2011 – nella chiesa di S. Vincento di Paolo a Bratislava (Slovachia). Dal 12 marzo del 2011 – nella chiesa di Santa Croce a Praga (Reppublica Ceca). In tutte le capitali dove essa arrivò, la Croce della gratitudine fu benedetta dai vescovi.

Il 18 aprile la croce è arrivata nella chiesa di S. Alfonso in cui si trova l’ immagine originale della Madonna del Perpetuo Soccorso a Roma.

In principio la Croce della Gratitudine inizia il suo viaggio nella cattedrale della capitale e da lì allieta e rafforza poi tutta la gente della Nazione in cui essa è presente. In tutte le città dove essa è apparsa, è stata benedetta dai rispettivi vescovi. Con nostra grande gioia la Croce della gratitudine è stata accolta in Estonia e in Finlandia anche dalla chiesa luterana.

Nel caso che anche lei senta nel cuore il desiderio di sostenere la missione della Croce della gratitudine attraverso le capitali del Mondo, può mettersi ogni momento in contatto con noi, scrivendo un’e-mail al seguente indirizzo: thanking_cross@hotmail.com
L’indirizzo della nostra pagina web è www.thankingcross.info.
Siamo grati di cuore per qualunque tipo di aiuto e le auguriamo tanta grazia di Dio.